Area Clienti
E-mail
Password
 
Non ricordi la password?
CLICCA QUI!
Registrazione
Se non sei ancora registrato, clicca sulla freccia per poter effettuare la registrazione.
Registrati
 
 
NOTIZIE  
 
10/10/2013
Minimi: fuoriuscita dal regime e aumento aliquota Iva
Va verificata la decadenza in corso d’anno dal regime agevolato L’incremento dell’aliquota ordinaria Iva dal 21% al 22%, efficace a partire dal 1° ottobre 2013, potrebbe interessare anche i contribuenti minimi e, in particolare, tutti i soggetti aderenti al regime di vantaggio che, al verificarsi di determinate condizioni, sono obbligati alla fuoriuscita dal regime e, di conseguenza, si vedono costretti ad applicare le regole ordinarie ai fini dell'imposta sul valore aggiunto per tutto il periodo d'imposta. Particolare attenzione va posta, dunque, alla data di decadenza dal regime agevolato e alle implicazione derivanti dall’aumento dell’aliquota Iva. Le cause di decadenza immediata - L'art. 1, co. 111, L. 244/2007 (Finanziaria 2008) dispone che “il regime dei contribuenti minimi cessa di avere applicazione dall’anno successivo a quello in cui viene meno una delle condizioni di cui al comma 96 ovvero si verifica una delle fattispecie indicate al comma 99. Il regime cessa di avere applicazione dall’anno stesso in cui i ricavi o i compensi percepiti superano il limite di cui al comma 96, lettera a), numero 1), di oltre il 50 per cento”. In base al tenore letterale della norma, mentre al verificarsi di determinate condizioni la fuoriuscita dal regime avviene dall’anno successivo a quello in cui si verifica la causa di decadenza, al verificarsi della condizione di cui all'art. 1, co. 96, lett. a), n. 1, L. 244/2007, per oltre il 50%, la decadenza avviene nel medesimo periodo in cui si manifesta la causa di decadenza. In base al disposto congiunto dell’'art. 1, co. 96, lett. a), n. 1, L. 244/2007 e dell'art. 1, co. 111, L. 244/2007, l'abbandono obbligatorio del regime può avvenire durante il periodo d'imposta nel momento in cui viene superata la soglia dei ricavi o compensi pari a euro 30.000,00 per più del 50%, mentre qualora la medesima soglia venga sì superata, ma in misura inferiore del 50%, la fuoriuscita dal regime di favore avverrà dal periodo d'imposta successivo a quello in cui avviene il predetto superamento. Decadenza immediata e Iva – Il cambio di regime in corso d’anno rende necessario valutare le operazioni ante fuoriuscita dal regime e post fuoriuscita dal regime. Per quanto riguarda la prima fattispecie è importante sottolineare che l'art. 1, co. 111, secondo periodo, L. 244/2007, sancisce, in caso di fuoriuscita dal regime dei minimi in corso d’anno, che “sarà dovuta l’imposta sul valore aggiunto relativa ai corrispettivi delle operazioni imponibili effettuate nell’intero anno solare, determinata mediante scorporo ai sensi dell’ultimo comma dell’articolo 27 del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del 1972 per la frazione d’anno antecedente il superamento del predetto limite o la corresponsione dei predetti compensi, salvo il diritto alla detrazione dell’imposta sugli acquisti relativi al medesimo periodo”. In sostanza, qualora la decadenza del regime sia avvenuta entro il 30 settembre 2013, lo scorporo dei corrispettivi avverrà applicando l’aliquota Iva del 21%. Qualora, invece, la decadenza in corso d’anno dal regime avvenga successivamente al 1° ottobre 2013, per determinare l’aliquota da applicare per lo scorporo del corrispettivo si dovrà verificare il momento impositivo. La determinazione del momento impositivo - Per la determinazione del momento impositivo, come noto, dovrà farsi riferimento all’art. 6, D.P.R. 633/1972. In tal senso, per le prestazioni di servizi sarà rilevante il momento di emissione della fattura. Nel caso in cui la fattura sia stata emessa entro il 30 settembre 2013 l’operazione sconterà l’aliquota Iva del 21%. Per le operazioni il cui momento impositivo si verificherà a partire dal 1° ottobre 2013 si applicherà l’aliquota Iva del 22%. Per quanto riguarda, invece, le cessioni di beni le operazioni si considerano effettuate nel momento della stipulazione se riguardano beni immobili e nel momento della consegna o spedizione se riguardano mobili.

<< vai all'elenco delle news

Home | Servizi | Notizie | FAQ | Scadenze | Link Utili | Contatti